Valuta
Valuta
AMD | ֏
AUD | AU$
AZN | ₼
BGN | лв
BRL | R$
BYN | Br
CAD | $
CHF | ₣
CNY | ¥
CZK | Kč
DKK | kr
EUR | €
GBP | £
HKD | HK$
HUF | Ft
INR | ₨
JPY | ¥
KGS | ⊆
KRW | ₩
KZT | ₸
MDL | MDL
NOK | kr
PLN | zł
RON | lei
RUB | ₽
SEK | kr
SGD | S$
TJS | смн.
TMT | TMT
TRY | ₺
UAH | ₴
USD | $
UZS | сўм
ZAR | R
{$langtitle}Italiano
Русский Русский
English English
Deutsch Deutsch
Français Français
Español Español
Português Português
Türkçe Türkçe
汉语 汉语
हिन हिन
Tiếng Việt Tiếng Việt
Entrare
preferiti
Cestino
Cestino

Women's Business Alliance: Anna Nesterova ha offerto cooperazione nel formato BRICS +

17 agosto 2021
Women's Business Alliance: Anna Nesterova ha offerto cooperazione nel formato BRICS +

    Il 17 agosto 2021, nell'ambito del BRICS Business Forum, si è tenuta una sessione online sulla BRICS Women's Business Alliance. Il tema “Dall'emancipazione femminile allo sviluppo della leadership femminile: nuove idee e nuovi approcci”, proposto dalla parte indiana, è diventato il punto di partenza per una fruttuosa discussione.

Sagnita Reddy, presidente e moderatrice dell'India, ha aperto la sessione evidenziando il lavoro dell'Alleanza per l'emancipazione delle donne e la riduzione del divario di genere.

Graziel Parenti (Brasile) ha suggerito di concentrarsi sull'agenda ESG (environmental, social and corporate governance). Le aziende devono essere incoraggiate ad adottare le migliori pratiche per aiutare a ridurre il divario di genere e promuovere la crescita economica, ha affermato.



Anna Nesterova, presidente della parte russa, ha osservato che, nonostante un anno difficile, la parte indiana ha affrontato con successo la presidenza dell'Alleanza e ha continuato a realizzare le attività e gli obiettivi delineati nell'anno della presidenza russa.

Il relatore ha anche sottolineato che la cooperazione tra i paesi BRICS continua nonostante la pandemia e l'imprenditoria femminile è diventata un altro punto di convergenza di interessi tra i cinque paesi.

Inoltre, Anna ha nuovamente attirato l'attenzione sui progetti proposti dalla parte russa. Quest'anno, la Russia ha presentato il concetto e ha ricevuto il sostegno di tutti i partner nella creazione di una piattaforma informativa unica per l'Alleanza, che diventerà la base per la creazione di partenariati tra donne imprenditrici. La parte russa ha inoltre avviato una cooperazione nel settore dell'agricoltura naturale, proponendo la creazione della BRICS Organic Farming Association. Altre iniziative della parte russa includono lo sviluppo di una Guida alla sicurezza antincendio nei trasporti nei paesi BRICS, nonché l'organizzazione del Forum BRICS "Green Fashion" e Universal Design, che si concentrerà sulla presentazione di marchi e caratteristiche culturali dei “cinque” paesi.

Inoltre, il presidente della parte russa ha elencato altri importanti progetti in corso di attuazione nell'ambito della Women's Business Alliance, proposti da India, Cina e Sudafrica.

Nel suo intervento, Anna Nesterova ha anche richiamato l'attenzione sul grande interesse per i progetti dell'Alleanza da parte di altri stati non BRICS e ha affermato la necessità di ampliare il formato di interazione all'interno dei BRICS plus, stipulato nello Xiamen e Dichiarazioni di Johannesburg.

La parte russa dell'Alleanza era rappresentata anche da Elena Chashchina, proprietaria del gruppo di società EPOTOS, azienda leader nello sviluppo, produzione e implementazione di vari mezzi di estinzione. Elena è diventata la vincitrice del concorso internazionale di progetti imprenditoriali innovativi al femminile, organizzato dalla parte cinese.

Tian Xian, China Representative, Lead Manager di Alibaba Local Services, ha parlato dei progetti dell'azienda, che stanno implementando, compresi quelli realizzati in collaborazione con la All China Women's Federation, volti a sostenere le donne e l'imprenditoria femminile in Cina.

Lebohan Zulu, ha condiviso l'ambiziosa iniziativa Free the Economy for Women proposta dal braccio sudafricano dell'Alleanza e sostenuta dal governo sudafricano. Secondo l'iniziativa, da novembre 2021, il 40% dei servizi e dei beni per i bisogni pubblici del Paese dovrà essere acquistato da imprese di proprietà di donne.